Robotica opensource

La casa smart fa vivere in libertà la persona con disabilità.

è una frase che esprime il desiderio di migliorare la qualità di vita di chi ha bisogno di assistenza e supporto nella propria abitazione. La tecnologia può essere un alleato prezioso per rendere le case più accessibili, sicure e confortevoli per le persone con disabilità. La domotica, ovvero l’insieme delle tecnologie che permettono di controllare e gestire gli impianti e i dispositivi di una casa, può offrire soluzioni personalizzate e adattabili alle esigenze di ciascuno. Alcuni esempi di domotica applicata alla disabilità sono:

  • I comandi vocali, che consentono di accendere e spegnere le luci, regolare la temperatura, aprire e chiudere le porte e le finestre, attivare e disattivare gli elettrodomestici, chiamare aiuto e comunicare con l’esterno, usando solo la voce.
  • I sensori di movimento, che rilevano la presenza e l’attività delle persone in casa e possono attivare o disattivare le funzioni in base alle necessità, come ad esempio accendere le luci quando si entra in una stanza o spegnerle quando si esce.
  • I dispositivi wearable, come braccialetti, orologi o collane, che monitorano lo stato di salute e il benessere delle persone e possono inviare segnali di allarme in caso di emergenza o di anomalie.
  • Le telecamere e i videocitofoni, che permettono di vedere chi bussa alla porta o chi si trova fuori casa e di aprire o chiudere a distanza, garantendo maggiore sicurezza e privacy.
  • Le applicazioni e i software, che consentono di gestire e monitorare da remoto le funzioni della casa, tramite smartphone, tablet o computer, e di ricevere notifiche e avvisi in tempo reale.

La domotica può quindi contribuire a creare una casa intelligente che «si adatta» per far vivere in libertà anche la persona con disabilità, offrendo maggiore autonomia, indipendenza e comfort. Tuttavia, la domotica non è l’unica soluzione possibile, ma va integrata con altre misure, come l’abbattimento delle barriere architettoniche, l’adeguamento degli arredi e degli spazi, il supporto di personale qualificato e la partecipazione sociale. Solo così si può garantire il diritto alla vita indipendente e alla dignità di ogni persona.

Benefici per il “Cuore” (Cittadino) in una Città Intelligente:

È evidente che una città intelligente ben progettata può portare a una migliore qualità della vita, maggiore sostenibilità e sicurezza e quindi minori costi ospedalieri. Prendendo spunto dal parallelismo tra il cuore e il cervello nel corpo umano e le città intelligenti, possiamo esaminare i benefici e le criticità che il “cuore” di una persona (cioè, il cittadino) potrebbe affrontare nel contesto di una città intelligente che viva una vita autonoma e prenda decisioni, adoperando Algoritmi, reti neurali, internet of Things, Big Data, Cloud Computing per gestire e analizzare tutti i flussi di dati generati all’interno della struttura. Il tutto gestito dall’ intelligenza artificiale (IA generativa).

L’obiettivo è quello di creare sistemi capaci di apprendere e adattarsi alle situazioni utilizzando soluzioni tecnologiche per migliorare la gestione e l’efficienza dell’ambiente urbano, creato per affrontare le molteplici criticità che caratterizzano le società del ventunesimo secolo, tra cui lo scarso grado di integrazione del sistema dei prodotti culturali, la scarsa alfabetizzazione digitale, lo scarso senso di responsabilità dell’uomo cittadino. Nell’era moderna, l’uomo e la macchina sono entrambi nodi centrali di un sistema complesso di comunicazione e gestione. Così come il cuore e il cervello comunicano costantemente per regolare il corpo umano, le città intelligenti e autonome fanno affidamento su una rete complessa di tecnologie e informazioni per funzionare in modo efficiente. Questo parallelismo si riflette nei seguenti aspetti:

  • Comunicazione e Regolazione:
  • Nel corpo umano, il cuore e il cervello collaborano attraverso il sistema nervoso autonomo per regolare molteplici funzioni vitali. Del medesimo modo, una smart city utilizza tecnologie avanzate come gli Algoritmi, le reti neurali, l’Internet delle cose (IoT) e il Cloud Computing per gestire flussi di dati e informazioni vitali all’interno dell’ambiente urbano.
  • Sistema Nervoso Autonomo e Intelligenza Artificiale:
  • Il sistema nervoso autonomo è responsabile delle risposte automatiche del corpo umano, analogamente all’Intelligenza Artificiale (IA) generativa che governa una smart city, prendendo decisioni automatiche basate su dati e algoritmi.
  • Sistema Nervoso Simpatico e Sistema Nervoso Parasimpatico – Soluzioni Tecnologiche:
  • Il sistema nervoso simpatico e parasimpatico regolano rispettivamente le risposte di “lotta o fuga” e il rilassamento. Allo stesso modo, le soluzioni tecnologiche in una smart city si adattano alle situazioni, migliorando l’efficienza e la gestione dell’ambiente urbano, affrontando sfide come la scarsa alfabetizzazione digitale, la corruzione i furti e le rapine.
  • Obiettivo di Adattamento e Miglioramento:
  • Come il corpo umano cerca di adattarsi alle mutevoli esigenze, le smart city cercano di apprendere e adattarsi alle sfide urbane contemporanee. L’obiettivo comune è migliorare la gestione e l’efficienza dell’ambiente urbano, affrontando questioni complesse come la mancanza di integrazione del sistema culturale e la responsabilità sociale.

Sia l’uomo, sia la macchina, nel contesto di una smart city, sono interconnessi e operano in parallelo per raggiungere un obiettivo comune: creare un ambiente urbano migliore, più efficiente e sostenibile, affrontando le sfide del ventunesimo secolo. Naturalmente la creazione di una città intelligente e autonoma richiede una serie di fasi complesse e interconnesse. Come si è sottolineato sopra, il parallelismo tra l’uomo e la macchina può essere utile per comprendere il processo. Ecco, di seguito le fasi principali per creare una città intelligente e autonoma:

  1. Visione e pianificazione: Come punto di partenza, è essenziale avere una chiara visione di ciò che si vuole raggiungere con la città intelligente. Questo coinvolge la definizione degli obiettivi, delle priorità e delle sfide specifiche della comunità. Una pianificazione dettagliata dovrebbe essere sviluppata per realizzare questa visione.
  2. Infrastruttura tecnologica: La città deve essere dotata di un’infrastruttura tecnologica robusta che includa reti di comunicazione ad alta velocità, sensori e dispositivi IoT (Internet delle cose) per raccogliere dati in tempo reale da varie fonti, sistemi di elaborazione dati e cloud computing per l’archiviazione e l’analisi dei dati.
  3. Raccolta dati e sensori: Installare sensori in tutta la città per raccogliere dati su traffico, inquinamento dell’aria, qualità dell’acqua, energia, sicurezza e altro. Questi dati sono fondamentali per prendere decisioni informate.
  4. Analisi dei dati e intelligenza artificiale (IA): Utilizzare l’IA e l’analisi avanzata dei dati per estrarre informazioni significative dai dati raccolti. Questo consente di identificare tendenze, problemi emergenti e opportunità di miglioramento.
  5. Automazione e controllo: Implementare sistemi di automazione per controllare e gestire in modo efficiente le risorse della città. Questo può includere la gestione del traffico, l’ottimizzazione dell’illuminazione pubblica e la regolazione delle risorse energetiche in tempo reale.
  6. Interconnessione e comunicazione: Assicurarsi che tutti i sistemi e i dispositivi nella città siano interconnessi e possano comunicare tra loro. Questo consente una gestione coordinata e una risposta rapida alle situazioni che richiedono interventi.
  7. Partecipazione cittadina: Coinvolgere attivamente i cittadini nella creazione e nella gestione della città intelligente. Fornire strumenti per la partecipazione e la raccolta di feedback dai residenti è essenziale per rispondere alle esigenze della comunità.
  8. Sicurezza e privacy: Implementare robuste misure di sicurezza informatica per proteggere i dati e i sistemi della città da minacce cyber. Assicurarsi anche di rispettare rigorosamente la privacy dei dati dei cittadini.
  9. Valutazione continua e adattamento: Monitorare costantemente l’efficacia dei sistemi e apportare miglioramenti in base ai feedback e ai risultati. Una città intelligente deve essere in grado di adattarsi alle mutevoli esigenze della popolazione.
  10. Scalabilità: Progettare la città intelligente in modo che sia in grado di crescere e adattarsi all’aumento della popolazione e alle nuove tecnologie che emergono nel tempo.

Creare una città intelligente e autonoma è un processo complesso che richiede la collaborazione tra governi, aziende, comunità e professionisti delle tecnologie dell’informazione. È un obiettivo ambizioso, ma può portare a una migliore qualità della vita, maggiore efficienza e sostenibilità per i residenti.

Benefici per il “Cuore” (Cittadino) in una Città Intelligente:

  1. Efficienza e Convenienza: Una città intelligente offre servizi pubblici più efficienti e accessibili. I cittadini possono beneficiare di trasporti pubblici ottimizzati, raccolta differenziata dei rifiuti, illuminazione intelligente e altro ancora, migliorando la qualità della vita e riducendo lo stress.
  2. Sostenibilità Ambientale: Le città intelligenti spesso promuovono pratiche sostenibili, come l’uso di energie rinnovabili e il controllo delle emissioni. Ciò può contribuire a un ambiente più pulito e salubre per i cittadini, migliorando la loro salute complessiva.
  3. Sicurezza: Grazie a sistemi di sorveglianza avanzati e una migliore gestione degli incidenti, le città intelligenti possono essere più sicure per i cittadini, riducendo il rischio di crimini e incidenti stradali.
  4. Partecipazione e Coinvolgimento: Le tecnologie digitali nelle città intelligenti consentono ai cittadini di partecipare attivamente alle decisioni urbane attraverso piattaforme di feedback e voto online. Ciò favorisce un maggiore coinvolgimento nella vita della comunità.

Criticità per il “Cuore” (Cittadino) in una Città Intelligente:

  1. Privacy e Sicurezza dei Dati: Con la raccolta massiccia di dati nelle città intelligenti, sorgono preoccupazioni legate alla privacy e alla sicurezza dei dati personali dei cittadini. È importante garantire che i dati siano adeguatamente protetti e che i cittadini abbiano il controllo sulla loro informazione.
  2. Divario Digitale: Non tutti i cittadini possono avere accesso alle tecnologie avanzate utilizzate nelle città intelligenti, creando un divario digitale tra chi può beneficiarne e chi no. Questo può portare all’esclusione di alcune persone dalla piena partecipazione ai servizi smart.
  3. Dipendenza Tecnologica: Con una crescente dipendenza dalle tecnologie intelligenti, i cittadini potrebbero diventare più vulnerabili a interruzioni del servizio o a problemi tecnici. La mancanza di resilienza tecnologica potrebbe causare disagi significativi.
  4. Costi Elevati: L’implementazione delle infrastrutture di una città intelligente può comportare costi significativi, e questi costi potrebbero essere riflessi in tasse o tariffe più elevate per i cittadini. Ciò potrebbe rappresentare un onere finanziario per alcune persone.

In conclusione, vivere in una città intelligente offre una serie di vantaggi, ma presenta anche sfide e criticità che devono essere affrontate. È essenziale gestire questi aspetti in modo equilibrato per garantire che i cittadini possano trarre il massimo beneficio dalla tecnologia senza compromettere la loro privacy, sicurezza o accesso ai servizi.

 

Un’Europa pronta per l’era digitale

grazie a una nuova generazione di tecnologie

Post tratto da pubblicazioni della Comunità europea.

Sintesi

La tecnologia digitale sta cambiando la vita delle persone. La strategia digitale dell’UE mira a fare sì che tale trasformazione vada a beneficio dei cittadini e delle imprese, contribuendo allo stesso tempo a raggiungere l’obiettivo di un’Europa neutra dal punto di vista climatico entro il 2050.

La Commissione è decisa a fare di questo decennio il “decennio digitale” europeo. L’Europa deve ora rafforzare la propria sovranità digitale e fissare norme, anziché seguire quelle di altri paesi, incentrandosi chiaramente sui dati, la tecnologia e le infrastrutture.

A cosa stiamo lavorando

Illustrations on disinformation

Normativa sui servizi digitali

Garantire un ambiente online sicuro e responsabileParticipation of Tibor Navracsics, Margrethe Vestager and Carlos Moedas, Members of the EC, in the Web Summit 2017

Normativa sui mercati digitali



European Chips Act
Garantire mercati digitali equi e aperti

Normativa europea sui semiconduttori

Rafforzare la competitività e la resilienza dell’Europa nelle tecnologie dei semiconduttoriThe use of Wi-Fi and roaming in train and metro stations, and in public spaces

Identità digitale europea

Dare agli utenti il pieno controllo sulla quantità di informazioni che condividono con terziHumanoid robotics and AI research and development - Institute of Robotics and Mechatronics

Intelligenza artificiale

Per una migliore assistenza sanitaria, trasporti più sicuri e puliti, processi produttivi più efficienti ed energia più economica e sostenibileComputer

Strategia europea in materia di dati

Fare in modo che l’UE assuma il ruolo di modello per una società più autonoma grazie ai datiThe ArcelorMittal production site and the Steel Service Center, in Poland

Strategia industriale europea

Garantire che l’industria europea guidi la transizione verso la neutralità climatica e la leadership digitalePlane pilots

Contribuire alla difesa europea

Collaborare per affrontare le minacce e le sfide alla sicurezza in modo più incisivoKnowledge Centre on Earth Observation

Spazio

Iniziative dell’UE per un sistema di connettività via satellite e la gestione del traffico spazialeVisit by Jean-Claude Juncker, President of the EC, and Cecilia Malmström, Member of the EC, to the United States of America

Consiglio UE-USA per il commercio e la tecnologia

Coordinare gli approcci alle principali sfide commerciali, economiche e tecnologiche a livello mondiale